lunedì 9 novembre 2009

Un Pensiero

Traffico con carta, nastri nastrini, nastro adesivo. Prendo le forbici e le apro il più possibile per arricciare a capelli indipendenti i fiocchi appena fatti e formati, lungo le spalle di questo pacco tutto strano e storto, che non ha forma, tutto bozzi e bozzetti vari, palle di vuoto, rigonfi da una parte all'altra. Non è geometrico, dici mentre lo prendi e sorridi. Si, è vero, dico io, ma forse perchè dentro il pacco non c'è una scatola, non è così solido da poterci montare sopra un tendone come al circo; e questo pensiero, come tutti i pensieri, non ha forma, scappa via. Non appena sistemavo un lato mi scappava via l'altro; piegavo un angolo e lo fermavo ed usciva via dall'altra parte. Non è facile impacchettere un pensiero. Ci ho provato, ho fatto del mio meglio, e scusa se non è un gran che o non sono riuscito a farlo meglio che più meglio assai più non si può, come volevo e riprovavo di continuo, scartandolo io il regalo e rifacendo tutto il pacco da capo di nuovo come nuovo. In questi casi, spero, apprezzerai il pensiero.

1 commento:

madamepsychosis ha detto...

a me piace la carta stropicciata, mi piacciono i pensieri con una forma che non ha forma. mi piace questo pensiero. ancora grazie.